Miriam e l'epidurale

Questa è la storia di una mamma che ha avuto due parti naturali, uno con e uno senza epidurale. La ringrazio di cuore per aver condiviso con noi la sua esperienza.


Salve, sono la mamma di due bambini, una di quattro anni, l'altro di 11 mesi, entrambi nati con parto naturale, entrambi presso lo stesso ospedale e con la stessa equipe medica, ma con una sostanziale differenza.....l'epidurale. Per tutta la prima gravidanza ho vissuto con l'ansia di chi non è consapevole di ciò che gli accadrà...per questo mi sono lasciata facilmente condizionare da chi elargiva consigli di ogni genere e, tra questi, non è mancato chi mi ha suggerito di fare l'epidurale, presentandomela come se fosse una sorta di calmante miracoloso per i lancinanti dolori del travaglio, Ecco, io non ho resistito e così, il giorno in cui mi apprestavo a diventare madre per la prima volta, dopo già svariate ore di travaglio, ho urlato la fatidica frase: " Non ce la faccio più!!!Vi prego, fatemi l'epidurale". Non voglio soffermarmi a raccontare come viene fatta per non turbare la sensibilità di chi non ama gli aghi, quello che invece mi preme dire è che quegli effetti calmanti tanto decantati non ci sono stati....i miei dolori sono continuati come prima e più di prima fino a quando, dopo tredici ore di travaglio, è finalmente nata mia figlia. Secondo quello che si dice, che almeno aveva raccontato a me la mia ginecologa, con l'epidurale non dovresti più avvertire la parte dolorosa delle contrazioni...beh, per me non è stato così! Ovvio che di tale non funzionamento ho chiesto le ragioni alla mia ginecologa, la quale, senza darmi tante spiegazioni ed etichettando il mio caso come un evento rarissimo, ha continuato a farsi promotrice dell'epidurale anche durante la mia seconda gravidanza, sostenendo che mi avrebbe abbreviato di molto il travaglio. Eppure, interagendo successivamente con altre mamme, il mancato funzionamento di cui sopra, pare essere piuttosto frequente....ma non è solo questo il motivo per il quale 11 mesi fa ho voluto non ripeterla e partorire in totale naturalezza.... Da quando ho fatto l'epidurale soffro spesso di forti mal di schiena concentrati proprio nel punto d'inserimento dell'ago, Non riesco a trovare una causa diversa a tali dolori, non è una questione di peso perchè sono ritornata quasi subito ad avere una corporatura piuttosto esile, e non ho ernie o cose del genere. Inoltre, ho incontrato diverse mamme con condizioni simili alla mia, e tutte imputano l'epidurale quale unica vera colpevole. Tuttavia, quello del mal di schiena è, a mio avviso, il problema minore....la cosa più grave sono i forti sbalzi d'umore di cui spesso soffro anzi, ad essere più precisi si tratta di veri e propri momenti di ipernervosismo che, di tanto in tanto, sfociano in autentici scatti di ira. Di questa cosa non mi sono mai saputa dare una spiegazione fino a quando ho letto da qualche parte di come l'epidurale vada a mettere una sorta di blocco sul sistema nervoso poichè, creando quello stato di rilassamento non permette alla donna di espellere completamente tutte le tossine negative e le ansie accumulate durante la gravidanza ed il travaglio. Certo, io l'ho spiegata in modo molto spicciolo, ma credo che il concetto sia piuttosto chiaro?! Diciamo che nel mio caso questo rilassamento non è stato trasmesso al cervello affinchè calmasse i miei dolori, ma ha avuto un'azione assai efficace sul sistema nervoso, un'azione purtroppo con conseguenze non affatto piacevoli.... Alla luce di tutto questo, con le mie convinzioni e con il timore di aggravare la situazione, ho scelto di farmi ben otto ore di travaglio per partorire un pagnottello di 3k e 800 g senza epidurale, e ne sono felicissima!!! Donne, lo sappiamo.... QUALCUNO lassù ha giustamente deciso che avremmo partorito con dolore, ma la gioia di avere un figlio è talmente grande che vale la pena provarlo questo dolore, senza inutili trucchetti.

Etichette: , ,