Groviglio emozionale

Più che letargo, trattavasi di coma. Fossi stata malata sarebbe stato farmacologico, invece era da sonno o, per dirla meglio, da eccesso di attività. Ogni sera mi spengo e non riesco a scrivere. Ma stasera no. Sarà che mi brucia lo stomaco e le lacrime in saccoccia traboccano. Ma non è che io stia male. Certo sono un pò stanca. Di persone che parlano senza ascoltare. Di quelle che non rispondono ai messaggi, della brutta abitudine di non dirsi "buongiorno" o di guardare strano chi saluta con naturalezza. Un tantino mi repelle sentire persone che vomitano le  loro frustrazioni sui buoni propositi e sui progetti degli altri, sentendosi  migliori. Mi disturba profondamente chi  lavora senza amore. Chi c'è fisicamente, ma emotivamente no. Mi dispiace non avere nel cuore la tolleranza che mi renderebbe tutto questo meno fastidioso. Sono colpita...dalla sordità di chi non vuol sentire ma continua a fare le stesse domande, dalla cecità di chi è fermo nel suo ruolo di figlio e cerca altrove la causa del proprio malessere, da chi corre sempre come un criceto sulla ruota, da chi sussurra tra i denti e non parla guardando negli occhi. Forse dipende dal fatto che tante cose stanno accadendo e si  trasformano tra le mie mani, come quando i bambini tirano fuori dalla creta dinosauri, cuori e milioni di altre magie. Pensando ai bambini e ai loro inalienabili diritti mi commuovo fino alle lacrime.
Il mio Dio è lì: nel miracolo che sono. Nel profumo dei loro sguardi soddisfatti. Nei sonagli delle loro risate. Nei loro salti di gioia, nelle loro lacrime dolci e nelle loro scuse sincere.
Perché ci fermiamo così poco a riflettere su quanto la nostra cultura sia mortificante per gli adulti di domani? Perché la maggior parte dei genitori non si batte per avere una scuola, una città, un mondo più a misura di bambino? Possibile che siamo così anestetizzati, così inquadrati, così ordinatamente in fila?! E abbiamo pure beccato la fila sbagliata!!!!! Quella che primaimparimeglioè, quella che i cattivi si scrivono alla lavagna, quella che chi arriva primo è bravo.
Scusate, stasera mi sfogo così. Preferivate quando mi addormentavo eh?! Stasera v'ha detto male.
Sono resuscitata dal coma. Proprio stasera. Forse perché domani, di 38 anni fa, venivo alla luce, dopo essere riuscita a stravolgere tutti i piani dei miei genitori. Fagotto inaspettato, portatore di grande scompiglio (e innumerevoli rotture di xxglioni).
Chissà se dopo tanti anni mia madre fa ancora come me, che ad ogni compleanno di un figlio sto lì a rivivermi tutti i passaggi del travaglio e della nascita. Chissà se lo farò ancora, io, tra trent'anni.
Ok ho finito. E non vi azzardate a dire che l'ho fatto solo per gli auguri. Quelli no, ma un regalo ve lo chiedo:



Che questo Paese ne ha davvero bisogno.
E pure io.

Etichette: , , , , ,