Una lunga trasferta

Pronti partenza via...
Andiamo da papà! 
Viaggi notturni, 
bimbi addormentati da trasportare, 
un cerbiatto ci dà il benvenuto lungo la strada,
 il profumo del bosco vicino a Domodossola, 
il mucchio di neve sotto un pino accanto alla cascata, 
piedini che sguazzano nell'acqua gelata, 
sapone fatto in casa, 
di nuovo tutti a bordo...
Biella ci aspetta:
mercatino, panini, calda accoglienza di occhi sorridenti,
 alberi che si inchinano per fare arrampicare mille creature festose, 
discorso dell'autorità del luogo che qui ha un volto amico, 
che guarda i suoi cittadini negli occhi, 
li conosce e li ascolta, tutti. 
Insieme sul palco con mamma e papà, 
accidenti è già notte...
 a ninna dove si va? 
In una casa bianca dai grandi occhi straripanti di tutto il verde del mondo,
un altro cerbiatto ci mostra la strada,
Nino e Daniela che ci entrano nel cuore,
la pioggia che scombussola i piani,
i bimbi che iniziano ad essere stanchi, 
mamme e maestre che cambiano volto ascoltando. 
Si corre a Milano.
Che posto incredibile, 
ma dove siamo?
Sembra un villaggio del futuro nascosto nella Milano di oggi.
Pareti bianche piene di anime colorate.
Quanta ricchezza...
di cuori, di occhi, di sogni, di idee.
Stanchezza infinita.
Un altro letto, un'altra notte.
E ogni volta raccontando mi conosco di più.
Negli abbracci di tutte le anime belle che incontro,
nella bellezza delle creature preziose con cui viaggio,
in questa crescita che a volte mi sorprende e mi sbilancia...
Mi perdo e mi ritrovo
ma non sono più io.
Qualcosa è cambiato, qualcosa è perduto, qualcosa germoglia.
A volte perdersi è un dono,
è la gioia di potersi ritrovare,
è chiudere le ali prima di spalancarle e volare.

Un Viaggio è sempre una scoperta, 
prima di luoghi nuovi è la scoperta di ciò che i luoghi nuovi fanno alla tua mente e al tuo cuore. Viaggiare è sempre, in qualche forma, esplorare se stessi.
(Stephen Littleword)


Grazie.
 A tutte le persone che incrociano il nostro cammino. 
A tutti voi che gioite se vi parliamo d'amore. 
A tutti quelli che lavorano per una scuola migliore.
 Ai nostri figli che rimettono in ordine la scala dei valori e delle priorità. 
E ai nostri cuori che si sono trovati e ogni giorno sanno alimentare questa magia.
















Etichette: ,